Olivo Leccio del corno

8,0010,90 + IVA 10%

Molto diffusa in Toscana, la varietà leccio del corno tipica per la produzione di olio è una pianta mediamente vigorosa con portamento assurgente, ampio e chioma fitta.

Olivo: Leccio del corno varietà da produzione

Age: 2 anni

Vase: 15 x 15 h 20 cm

Production: Pescia (Pistoia)

Svuota

Spedizione in tutta Italia!

  • Fatto Spedizione Garantita
  • Fatto Prodotti di qualità
  • Fatto Pagamenti Sicuri
METODI DI PAGAMENTO

Descrizione

OLIVO LECCIO DEL CORNO

 

Albero: 

Molto diffusa in Toscana, la varietà di Olivo leccio del corno tipica per la produzione di olio è una pianta mediamente vigorosa con portamento assurgente, ampio e chioma fitta.

Le foglie di notevole dimensione hanno un colore verde intenso.

La cultivar, autosterile con produttività medio alta, presenta una fioritura precoce.

Impollinazione: Pendolino, Maurino, Piangente, Leccino, Frantoio e Moraiolo.

Caratterizzata da una particolare resistenza al freddo e all’occhio di pavone, si dimostra invece mediamente buona la resistenza alla siccità e alla mosca.

Frutto:

Non molto grande ( 1,3-2,5 gr.) di forma tondeggiante.

L’olivo fruttifica dopo pochi anni dalla potatura di formazione, ma le rese migliori si hanno quando la pianta è adulta.

La maturazione è tardiva e scalare, con una resa media del 19%.

Raccolta:

La raccolta si può effettuare a mano scuotendo i rami e le fronde con pertiche facendo cadere i frutti su reti stese preventivamente sotto le piante.

Alla raccolta è di colore verde, olio mediamente fruttato di buona qualità lievemente piccante.

I frutti devono essere conservati in strati non molto spessi e in un locale ben areato.

Esposizione:

Pianta rustica di grande adattabilità, predilige una posizione soleggiata e ben riparata dai venti freddi. Le temperature ottimali infatti sono quelle miti del bacino del mediterraneo.

Il terreno più indicato è quello argilloso e calcareo, comunque fresco e ben drenato.

Annaffiature:

L’olivo Leccio del corno è una coltura che vegeta tranquillamente in asciutto anche se ultimamente viene irrigato per ottenere delle produzioni migliori.

Le annaffiature devono essere regolari, lasciando asciugare la terra tra un’annaffiatura e l’altra.

Potatura:

L’olivo ornamentale si pota da giovane, dandogli una forma armoniosa, negli anni si eliminano i rami secchi o malati.

La potatura di produzione, tenendo conto che l’olivo non sopporta bene i tagli, si deve limitare a eliminare una parte dei rami che hanno dato i frutti e a diradare i rami giovani.

Per la varietà delle olive da tavola, è utile il diradamento dei frutticini che permette di ottenere frutti di maggiori dimensioni e limita il fenomeno dell’alternanza di produzione.

E’ diffusa la potatura di ricostituzione o di ringiovanimento che consiste nel rinnovare le piante più vecchie facendo crescere nuove branche al posto di quelle esaurite.

Parassiti e malattie:

La cocciniglia grande dell’olivo, infesta i rami e le foglie succhiando la linfa e provocando la formazione di sostanze zuccherine che favoriscono le fumaggini.

La mosca delle olive, allo stato di larva, danneggia i frutti che si raggrinziscono, marciscono e cadono.

L’occhio di pavone dell’olivo che si manifesta con macchie grigie, rosse al centro che poi diventano brune per cui le foglie cadono e la produzione è scarsa.

La rogna dell’olivo forma sui rami delle escrescenze che ingrossano e portano il ramo alla morte.

 

Informazioni aggiuntive

Peso 2.50 kg
Dimensioni 15 × 15 × 140 cm
Cultivar

Età della Pianta

,